Login

Chi è on.line

Abbiamo 645 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3266
Web Links
4
Visite agli articoli
8699659
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 17 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
iraqPena di morte e leggi antiterrorismo non fermano il bagno di sangue iracheno e acuiscono le divisioni tra sunniti e sciiti
Roma, 12 ottobre 2013, Nena News - Al bollettino ormai quotidiano di vittime di attacchi e autobombe che arriva dall'Iraq, si sono aggiunti i 42 condannati per "terrorismo" impiccati negli ultimi due giorni (il 10 ottobre ricorreva la Giornata mondiale contro la pena di morte!). Nel Paese la pena capitale è stata applicata 140 volte quest'anno, ma le sentenza sono state spesso frutto di confessioni ottenute sotto torntura, hanno denunciato molte organizzazioni per i diritti umani.

Il governo di Bagdad usa la pena di morte per contrastare i continui attacchi terroristici che devastano il Paese, spesso rivendicati da al Qaeda. Lo scontro tra sciiti, che guidano l'Iraq, e sunniti, che al tempo di Saddam Hussein erano la classe dirigente, si è acuito da mesi: attacchi suicidi e autobombe in luoghi frequantati soprattutto dagli sciiti, hanno fatto centinaia di vittime. Quasi mille morti il mese scorso, oltre 230 dall'inizio di ottobre e quasi seimila dall'inizio dell'anno. Cifre che fanno tornare alla memoria gli anni dal 2006 al 2008, quando le violenze settarie fecero decine di migliaia di vittime.

Per diversi analisti, l'Iraq è sull'orlo di una guerra civile e la politica adottata per evitarla, che tra l'altro include un ricorso massiccio alla pena capitale, sinora non pare sortire effetti. Il governo ha adottato leggi antiterrorismo che però sono applicate soprattutto contro i sunniti, lo stesso primo ministro, Nuri al Maliki, al potere dal 2006, è accusato di alimentare le violenze per emarginare gli avversari.

Il settarismo domina la vita pubblica e non è mai stato realmente tentato un dialogo: da oltre un anno la comunità sunnita ha iniziato un movimento di protesta, ma la risposta di Bagdad è stata la repressione: ogni forma di opposizione è considerata una insurrezione settaria che giustifica l'uso della forza da parte del governo. La polizia fa continui blitz nei quartieri sunniti, arrestando decine di "terroristi" e alimentando il malcontento della popolazione. Inoltre, molte organizzazioni per la difesa dei diritti umani accusano le autorità irachene di ricorrere alla tortura per ottenre confessioni su cui si basano sentenze di condanna a morte. Il governo nega e sostiene di avere giustiziato soltanto "terroristi" colpevoli di avere ucciso innocenti.

"L'aumento delle esecuzioni negli ultimi giorni è allarmante ", ha detto Hassiba Hadj Sahraoui, direttore per il Medio Oriente di Amenesty International. E ieri è intevenuto anche l' Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Navy Pillay, che tramite il suo portavoce ha definito "oscene e disumane" le sentenze di morte eseguite negli ultimi due giorni, sottolineando la loro inutilità nel contrasto al terrorismo. Nena News

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Ecoambiente interventi Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information