Login

Chi è on.line

Abbiamo 590 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8917165
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 22 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

indiaM. K. Bhadrakumar RIR 1 novembre 2013
fIl sipario scende sull’era politica di Manmohan Singh in India. La visita in Cina segna l’ultima grande avventura in politica estera del primo ministro, ciò un mese dopo la visita a Washington. Le priorità gemelle in politica estera del dottor Singh sono state le relazioni dell’India con gli Stati Uniti e con la Cina, in gran parte anche collegate tra esse.

Il culmine della politica estera del dottor Singh fu la firma dell’accordo di cooperazione nucleare civile USA-India nel 2008. Questa fu l’unica occasione in cui il dottor Singh mostrò un ferreo coraggio, facendo approvare una cosa che voleva davvero venisse fatta sulla scena della politica estera. Il dottor Singh puntò sulla sopravvivenza del suo governo di coalizione e rielaborò gli allineamenti nella politica interna dell’India. Per un leader pubblicizzato quale “politico accidentale”, fu straordinariamente audace. In altre parole, il dottor Singh non si è mai curato di nascondere che la sua priorità numero uno, in politica estera, era costruire una solida partnership strategica con gli Stati Uniti, come ancora di salvezza dell’”emergente India.” In realtà, però, le circostanze frustrarono i suoi sforzi. L’accordo nucleare, che avrebbe dovuto essere la bandiera del partenariato strategico, non riuscì a portare l’attesa manna della produzione di energia elettrica o a facilitare l’ammissione dell’India nel regime di controllo della tecnologia.
Una serie di fattori andarono contro, in primo luogo l’accento del presidente Barack Obama sulla non proliferazione e il disarmo nucleare; la crisi economica negli Stati Uniti; il dissiparsi della “storia sulla crescita” dell’India; l’ammaccata credibilità del governo indiano per via di scandali sulla corruzione e le incertezze elettorali per il 2014, e così via. In ogni caso, vi è stato un ridimensionamento delle aspettative, evidente durante la visita del dottor Singh negli Stati Uniti. Nel frattempo, l’iniziativa della difesa, svelata durante la visita del dottor Singh, ristagnava. Si basava sulla costante curva ascendente della cooperazione militare fin dal 2005, diventata poi abbastanza pesante. L’iniziativa sulla difesa sarà l’eredità del dottor Singh, avendo l’amministrazione Obama infine avviato la modifica della legislazione nazionale per attuare la cooperazione high-tech con l’India. In effetti, l’iniziativa della difesa è fondamentale per ricalibrare i legami dell’India con la Cina. L’India segna un certo distacco studiato dalla strategia del riequilibrio dagli Stati Uniti, ma non l’ha rifiutata. L’ambivalenza verso la creazione di basi militari statunitensi in Afghanistan è sintomatica. Il punto è che ci sono dei risvolti. In tutto il mondo la Cina ha superato l’India e l’asimmetria del potere aumenta. La Cina costruisce così drammaticamente le sue relazioni con la regione dell’ASEAN, mentre la politica “che guarda ad oriente” dell’India comincia ad apparire provinciale. Le incertezze sul ruolo degli Stati Uniti nella regione Asia-Pacifico, aiutano la Cina, dato su cui gli Stati regionali puntano, mentre d’altro canto l’India non ha semplicemente la capacità di promuovere i propri partenariati regionali.
Il cuore della questione è che la diplomazia indiana verso la Cina s’è ridotta alla gestione di rapporti volatili. L’accordo nucleare USA-India ha contribuito a tale volatilità, poiché la dichiarazione sulla transazione strategica e l’idea estremamente scorretta che New Delhi contemporaneamente sondasse, su un binario parallelo, l’”alleanza quadripartita” con Stati Uniti, Giappone, Australia e l’India, ha fatto retrocedere la Cina. Certamente, se si dovesse puntare il dito laddove le cose iniziarono ad andare male, si dovrebbe indicare il periodo 2005-2008, dopo la firma della relazione decennale sulla difesa tra India e Stati Uniti (nota come “Nuovo quadro della relazione sulla difesa USA-India”) e l’avvio dei negoziati per l’accordo sul nucleare. Wikileaks ha rivelato che l’amministrazione di George W. Bush faceva grandi calcoli militari e strategici, in base al Quadro della difesa 2005, sulle dimensioni del mercato indiano o la sua importazione di armamenti (stimata dai diplomatici statunitensi superiore ai 27 miliardi di dollari, nel solo “breve termine”) e sulla prospettiva di una più stretta cooperazione (“interoperabilità”) con le forze armate indiane, nella regione asiatica. Pertanto, non si può esagerare l’esito della visita del dottor Singh a Pechino, la scorsa settimana. Le due idee brillanti sul piano economico, la creazione di un parco industriale cinese in India ed esaminare la fattibilità di un corridoio economico Bangladesh-Cina-India-Myanmar, hanno un certo periodo di gestazione e non possono affrontare l’enorme squilibrio commerciale nel prossimo futuro. Riguardo l’accordo di cooperazione per la difesa dei confini, il ministro della Difesa A. K. Antony ha fatto la cosa giusta, introducendo del realismo dicendo: “Il fatto che ci siamo accordati su una serie di procedure e meccanismi, non significa che non accadrà nulla ai confini. Ma con l’accordo di oggi, se succedesse qualcosa, fornisce dei meccanismi per intervenire immediatamente e trovare una soluzione… non ci saranno più contatti tra le due forze armate… L’idea è far avere maggiore fiducia tra le due forze armate”, affrettandosi ad aggiungere, tuttavia, che non è un “profeta o un astrologo” dicendo che non ci sarebbero più stati confronti tra i due eserciti. La probabilità di “incidenti” è piuttosto elevata, mentre l’India procede nella costruzione di nuove infrastrutture militari e al dispiegamento di altre truppe sulla linea di controllo effettivo. Oggi appare evidente che la centralità attribuita alla partnership strategica con gli Stati Uniti, nella politica estera indiana, non ha contribuito ad allentare le tensioni tra India e Cina. Naturalmente, l’India avrebbe potuto e dovuto prestare maggiore attenzione nell’impedire il deterioramento della sua posizione regionale, che avrebbe dovuto essere il vero punto centrale della politica estera, in un momento di grande fluidità nella politica mondiale.
Su un altro piano, la storia del rapporto Russia-Cina fornisce lezioni importanti per la relazione tra India e Cina. Le trentennali ed improduttive trattative sulla frontiera tra l’ex Unione Sovietica e la Cina, infine, furono concluse con un accordo proficuo e reciprocamente soddisfacente solo dopo la comparsa della fiducia nel complesso dei rapporti. La traiettoria del rapporto avviato, oggi, scala vette strategiche ad un livello inaudito. E’ qui che l’India dovrebbe saper sfruttare il forum RIC (Russia-India-Cina) per dare verve ai rapporti con la Cina. Perché ciò avvenga, indubbiamente, un maggiore contenuto dovrebbe essere integrato nella tradizionale comprensione strategica India-Russia. Basti dire che l’eredità pesante di puntare sulla scelta strategica di Washington per influenzare le dinamiche della regione, non ha permesso all’India di sfruttare lo spazio diplomatico a sua disposizione, in un ambiente internazionale in rapida evoluzione.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information