Login

Chi è on.line

Abbiamo 796 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3266
Web Links
4
Visite agli articoli
8679697
LOGIN/REGISTRATI
Lunedì, 14 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Micah-White-interna(Fonte: Il Fatto del 6 ottobre 2013 - Andrea Giambartolomei) - Uno dei fondatori del movimento di protesta negli Stati Uniti nel corso del Festival di internazionale a Ferrara ha raccontato

la genesi del fenomeno e parlato del futuro: "Per le prossime elezioni dovremmo riuscire a sviluppare una campagna elettorale senza fondi".

Da “We are 99%” a “Uno vale uno”. Micah White, uno dei fondatori di Occupy Wall Street, ospite questo week end del Festival di Internazionale a Ferrara, incontrerà nelle prossime ore un rappresentante del Movimento 5 Stelle. Sarà un primo contatto per permettere all’attivista statunitense di conoscere meglio un fenomeno che ha attirato la sua attenzione, un fenomeno che – ha detto durante gli incontri a Ferrara – vorrebbe importare negli Usa: “Sono molto interessato a tutti i partiti che stanno emergendo, specialmente il Movimento 5 Stelle per la loro abilità di entrare nel processo democratico e nelle elezioni, che è impossibile negli Stati Uniti”, dichiara a margine di un incontro sul media-attivismo domenica mattina.

Dopo un lungo periodo di attività a Zuccotti Park, Occupy Wall Street, movimento americano nato in opposizione agli eccessi della finanza durante la crisi economica, ha perso la sua forza. White lo definisce un “fallimento costruttivo”: “È stato un momento rivoluzionario bellissimo e magico, ma è stato sconfitto”. Alla base della sconfitta ci sono delle strategie sbagliate: “Pensavamo si potesse fare un movimento di sola protesta che – se avesse avuto abbastanza gente sulle strade, di diverse età e d’accordo sui temi principali – sarebbe stato capace di forzare il governo statunitense a cambiare le sue posizioni. È stato sbagliato. Ora OWS è uscito dalle piazze e adesso ci stiamo riunendo e riflettendo”.

Il movimento è andato avanti con un processo di “try, fail, try again”, cioè “prova, sbaglia, prova ancora”: “ È stato un test di ipotesi – continua White -. L’ipotesi è che si potesse cambiare il mondo organizzando proteste di massa molto virali e rapide. È stato un ‘fallimento costruttivo’ perché abbiamo fallito ma ci ha aiutato a capire cosa fare dopo. Adesso abbiamo imparato che dobbiamo essere più focalizzati su certi target e più specifici: la protesta deve raggiungere un obiettivo molto specifico molto velocemente. Non deve essere riformista, ma un progetto che deve essere raggiunto in 30 giorni. Altrimenti la gente si stanca o deve tornare a casa”. Per questo, in vista delle prossime elezioni americane nel 2014 e delle presidenziali del 2016, White e gli altri di OWS stanno osservando quanto accade in Europa per la capacità di trasformare la protesta di massa in una forza istituzionale: “Per le elezioni vorremmo creare un movimento virale e sociale”. White spiega che in un Paese dove i vincitori delle elezioni sono il “99 per cento delle volte” quelli che raccolgono più fondi dalle imprese, una delle cose da ‘importare’ è la capacità di fare una campagna elettorale con poco denaro: “Penso che le faremo senza soldi, lavorando più duramente ma in maniera autentica”. Finora White non ha ancora incontrato nessun rappresentante del Movimento 5 Stelle, ma ciò avverrà fra pochi giorni. Sul nome dell’interlocutore White non si sbilancia.

In passato ci sono stati altri incontri tra il movimento italiano e gli statunitensi. Si è trattato però di incontri con i diplomatici dell’ambasciata americana. Dopo le elezioni Vito Crimi e Roberta Lombardi incontrarono l’ambasciatore David Thorne. Per la sede diplomatica Usa si è trattato di “un’occasione per approfondire la conoscenza del Movimento e la sua posizione sull’attualità italiana”. Nell’aprile 2008 invece fu Beppe Grillo a incontrare i rappresentanti americani, interessati alle attività politiche del comico.

L’esperienza del M5S e di Grillo sarebbe anche alla base del Wikileaks party, stando a quanto dichiarato nell’agosto scorso da Peter Shipton, padre naturale di Julian Assange, in un’intervista al Venerdì di Repubblica: “Lui e Roberto (Gianroberto Casaleggio, ndr) hanno dimostrato che si può costruire una strategia mediatica efficace senza capitali”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Ecoambiente interventi Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information