Login

Chi è on.line

Abbiamo 746 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3266
Web Links
4
Visite agli articoli
8688655
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 15 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

ragazzina violentataIl profilo su Facebook aperto a sua insaputa e per vendetta dall’amichetta del cuore che, in uno scatto di collera, voleva “punirla” per un banale litigio tra adolescenti. «Ragazza disponibile a tutto», si leggeva sulla bacheca virtuale condita con tanto di foto e numero di cellulare.

E’ cominciato così l’incubo per una 14enne di Molfetta, paese di 60mila anime alle porte di Bari. Il branco, sbirciando sulla falsa pagina del social network, si è convinto che la ragazzina fosse “una facile” e, con l’inganno, l’ha attirata in un vecchio anfiteatro per violentarla. QUATTRO ARRESTI Erano in dieci, quattro hanno abusato a turno di lei mentre gli altri guardavano divertiti e controllavano che nessuno si avvicinasse e li scoprisse. Oltre un anno dopo, i presunti stupratori sono stati arrestati dai carabinieri su ordine di custodia cautelare emesso dal gip della Procura di Trani, Luca Buonvino, su richiesta dei pm Francesco Giannella e Mirella Conticelli. Quattro persone – due hanno 21 anni, uno 20 e un altro 25 - sono finiti ai domiciliari (i pubblici ministeri avevano chiesto il carcere), su un altro aguzzino sono ancora in corso gli accertamenti della Procura minorile perché aveva meno di 18 anni quando il reato è stato consumato. Le accuse sono pesanti: violenza sessuale di gruppo e sequestro di persona, il tutto aggravato dal fatto che la vittima fosse minorenne e dal numero superiore a cinque degli stupratori. L’inchiesta, però, prosegue per individuare gli altri complici: tre sarebbero minorenni e i loro nomi sono già stati formalmente iscritti nel registro degli indagati. VIOLENZA ALL’ANFITEATRO Tutto comincia alla fine dell’aprile dell’anno scorso, ma ci sono voluti diversi mesi per fare emergere questa «squallida storia», commenta il procuratore aggiunto Francesco Giannella. L’indagine, infatti, è partita solo grazie al coraggio della 14enne che è riuscita a confidarsi con un’amica e con un parente che aveva intuito il suo disagio. Nonostante le minacce ricevute dal branco di rivelare in paese quanto accaduto, la ragazzina si è fatta forza e si è presentata in caserma per raccontare i mesi di angoscia. La prima violenza – secondo quanto accertato dai carabinieri - è avvenuta all’interno di un anfiteatro vicino al mare, dove d’estate si tengono i concerti, un angolo di verde alla periferia della città. COINVOLTI IN DIECI I ragazzi, una decina e tutti tra i 16 e i 24 anni, hanno convinto la vittima, adescata attraverso quel numero di cellulare pubblicato imprudentemente su Facebook dall’amica, ad uscire con loro e, dopo averla condotta nel giardino pubblico, con la forza l’hanno trascinata nell’arena e in quattro a turno l’hanno stuprata. La quattordicenne è stata minacciata ed è rimasta in silenzio, conservando dentro di sé il terribile segreto. Per liberarsi dall’incubo, però, ha fatto in mille pezzi la scheda del cellulare, convinta che non sarebbe stata più rintracciata. RICATTI E ALTRI ABUSI Invece gli episodi si sono ripetuti: circa un mese dopo – è la ricostruzione degli investigatori – la ragazza è stata avvicinata in scooter da un ragazzo della baby gang: lui le ha proposto di fare un giro per la città, però l’ha condotta in un luogo isolato e ha approfittato ancora di lei. Un altro tentativo di violenza ci sarebbe stato persino durante una gita con il gruppo dell'oratorio, aggressione sventata grazie all’intervento di un amico della vittima. I quattro arrestati hanno qualche piccola segnalazione per reati di tutt’altro genere.di Vincenzo Damiani

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Ecoambiente interventi Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information