Login

Chi è on.line

Abbiamo 493 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
45
Articoli
3242
Web Links
4
Visite agli articoli
8172615
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 18 Luglio 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

RICERCATO( fonte IL FATTO QUOTIDIANO).L'attacco arriva da Forza Italia. Intanto le forze dell'ordine estendono le ricerche di Bartolomeo Gagliano, che da martedì 17 dicembre ha fatto perdere le sue tracce, anche all'estero. Gli investigatori non escludono che possa essersi rifugiato in Francia o in Spagna.

Continuano senza sosta le ricerche in tutta Italia di Bartolomeo Gagliano, il serial killer di prostitute e transessuali che da martedì 17 dicembre, approfittando di un permesso, è evaso dal carcere Marassi di Genova . Scomparso dai radar delle forze dell’ordine come un fantasma. La sua ennesima fuga terrorizza le lucciole di mezza Liguria, imbarazza il direttore del carcere convinto che “fosse un semplice rapinatore”, fa infuriare il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri. Ma è anche un assist imperdibile per Forza Italia per scagliarsi contro i giudici. Che “omaggiano” il killer con “un permesso premio del Tribunale di sorveglianza, mentre altri magistrati impediscono a Silvio Berlusconi di partecipare a Bruxelles al vertice dei leader del Ppe . A non farsi scappare l’occasione è il deputato Luca D’Alessandro, segretario della Commissione giustizia alla Camera. “Invece di baloccarsi e sprecare ogni stilla di energia in autodifese corporative, – tuona D’Alessandro – il Csm, l’Anm ed ogni rivolo di magistratura associata dovrebbero oggi svolgere il loro vero e unico ruolo e intervenire con provvedimenti e prese di posizioni nette per pretendere chiarimenti sull’incredibile vicenda che ha portato all’evasione dal carcere di Genova di un pericoloso assassino”.Intanto Gagliano resta fuggiasco. La madre “non sa dov’è”. L’avvocato Mario Iavicoli lancia un appello: “Se vuoi ripensarci rispetto alla decisione di fuggire chiamami”. Le forze dell’ordine sono subissate da segnalazioni, ma fonti investigative fanno sapere all’Adnkronos che le ricerche sono estese anche all’estero. Il sospetto è che il serial killer possa aver varcato la frontiera per rifugiarsi in Spagna o in Francia.A rimanere indelebile è la sua storia criminale, che riemerge dagli archivi dei giornali e dalle pagine di verbali e sentenze. Un lungo e spietato elenco di omicidi, rapine ed estorsioni. Scandito da fughe e permessi premio, sparatorie in mezzo alla strada e cadaveri. Il primo omicidio di Gagliano, cresciuto a Savona lontano dalla sua Sicilia dove erano nato 55 anni fa a Nicosia, risale al 15 gennaio del 1981. Quando a fare le spese della sua follia fu Paolina Fedi, prostituta di 22 anni, con cui l’uomo era fidanzato. Le fracassò il cranio con una grossa pietra in un autogrill sull’autostrada Genova-Savona, all’altezza del casello di Celle Ligure. Abbandonando il corpo lungo la strada.Confessò. Venne sottoposto a perizia psichiatrica: “soggetto psicopatico, totalmente incapace di intendere”. Venne condannato a otto anni nell’ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa.Ce ne passò due, e al primo permesso nel 1983, sparì. Fino a quando non sequestrò una famiglia per farsi accompagnare a Savona, dove iniziò a sparare a casaccio in mezzo alla strada. Ferì una ragazza di 17 anni e rimase ferito anche lui a una gamba durante uno scontro a fuoco con le forze dell’ordine. Di nuovo in un ospedale psichiatrico, questa volta a Montelupo Fiorentino. E di nuovo un’evasione, nel 1989, ancora dopo un permesso. Colpì di ancora, anche da latitante, conquistandosi la fama del “mostro di San Valentino“. Questa volta la vittima è un transessuale uruguaiana, Nahir Fernandez Rodriguez. Uccisa il 6 febbraio. Non si ferma. Il 14 febbraio, a Genova, nel quartiere di Carignano, spara tre colpi di pistola a un travestito, Francesco Pazzini, conosciuto come “Vanessa”. Freddato mentre era in compagnia di un cliente (ferito). Il giorno dopo torna nello stesso quartiere. Punta un’altra prostituta 29enne, prende la mira e le spara in faccia con la solita Beretta 7,65. Il proiettile trapassò la gola della donna che si salvò, cavandosela con la frattura della mascella. Questi delitti vennero commessi insieme al genovese Francesco Sedda, conosciuto nell’opg di Montelupo. I due vennero arrestati poco dopo, dichiarati infermi di mente e rinchiusi nell’opg di Reggio Emilia. Quegli omicidi sono rimasti ben impressi nella memoria degli investigatori. La firma era inconfondibile: un colpo di pistola in bocca.Ma anche a Reggio, Gagliano dura poco. Passa un anno: nuovo permesso, nuova fuga. Si materializza ad aprile in una discoteca di Firenze. Conosce una ragazza. Si fidanza. L’epilogo è lo stesso: un colpo in bocca. La giovane, 23 anni, viene trovata dalla polizia nel suo appartamento, distesa nuda sul letto, con un foro di proiettile nel mento ed un paio di slip sulla gola a tamponare l’emorragia. Si salva. Gagliano vaga per la città come uno spettro due giorni e due notti prima di costituirsi. Lo rispediscono a Reggio Emilia da dove evade nuovamente ’91 e nel ’94, quando viene accusato di aver ferito un metronotte a Pietra Ligure, provincia di Savona. A fine 2002 esce, arriva la libertà. Definitiva, perché Gagliano viene considerato “guarito”. Nel 2005 torna ad abitare con i genitori. Qui si specializza nelle rapine: quattro a supermercati e sportelli postali. Bottini di poche migliaia di euro che lo trascinano in prigione, da dove esce nel 2006 grazie all’indulto. Una libertà che durò appena una settimana. Perché insieme a un complice spillò 2mila euro a un imprenditore del savonese, garantendogli protezione. Per questa estorsione era ancora detenuto. Fino a martedì. Fino a quell’evasione. Fino a quel sequestro per sparire. Di nuovo.

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

referendum interventi Ecoambiente responsabilità attraverso Civitanova annunciato responsabile dichiarato Comunicato associazioni capogruppo possibilità condizioni all'interno dipendenti democrazia lavoratori condannato amministrazione commissione manifestazione intervento Alessandro pubblicato importante Redazionale maggioranza parlamentari presentato ambientale situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information