Login

Chi è on.line

Abbiamo 492 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
45
Articoli
3242
Web Links
4
Visite agli articoli
8167034
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 17 Luglio 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

dia-640(Fonte: Il Fatto Quotidiano) - Divieto di dimora eseguito nei confronti di Nicola Vassallo, fratello di Gaetano, teste chiave nel processo contro Cosentino. Nei terreni di Giugliano sono state sversate per anni scorie industriali arrivate dal nord

con la rete dei Casalesi - La masseria di San Giuseppiello – comune di Giugliano, in Campania – vista dall’alto aveva qualcosa che non quadrava. La via di accesso era troppo larga, segno inequivocabile di un transito di camion che nulla avevano a che fare con la normale attività agricola. Poi le analisi del perito della Dda di Napoli Giovanni Balestri hanno confermato i sospetti: in quella terra coltivata a frutteto, di proprietà della famiglia Vassallo, sono state sversate per anni scorie industriali, partite dal nord e arrivate in Campania grazie alla rete di complicità gestita dal clan dei Casalesi. Venti ettari che ancora oggi erano di fatto coltivati da uno dei fratelli Vassallo, nonostante il sequestro dell’appezzamento scattato nel 2009. Nessun frutto poteva più essere raccolto, quel terreno era ormai condannato, come è accaduto per centinaia di campi a cavallo tra le province di Napoli eCaserta.

Un divieto che Nicola Vassallo – fratello del collaboratore di giustizia Gaetano, testimone chiavenel processo contro Nicola Cosentino – non ha però rispettato. Il giorno di Natale la squadra mobile di Caserta gli ha notificato un provvedimento di obbligo di dimora firmato dal gip del Tribunale di Napoli, che lo accusa di aver continuato a produrre ortaggi e verdure sui terreni avvelenati di sua proprietà. L’elenco delle sostanze tossiche riscontrate nelle analisi è una sorta di campione del lungo elenco dei veleni sversati in Campania dal clan dei casalesi, su mandato delle industrie del nord: cromo, zinco, berillio, stagno, arsenico, cobalto e tallio.

Da tempo la squadra mobile di Caserta – che il 25 ha eseguito l’ordinanza contro il fratello di Gaetano Vassallo – sta monitorando i terreni sequestrati dopo il ritrovamento dei rifiuti tossici sversati dalla fine degli anni Ottanta in poi. Spesso le coltivazioni non vengono sospese, con la conseguente immissione di prodotti contaminati sui mercati. Nel caso di Nicola Vassallo la polizia è riuscita a sorprendere l’imprenditore dopo una lunga serie di appostamenti. Il provvedimento del gip prevede ora il divieto di accedere al comune di Giugliano.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

referendum interventi Ecoambiente responsabilità attraverso Civitanova annunciato responsabile dichiarato Comunicato associazioni capogruppo possibilità condizioni all'interno dipendenti democrazia lavoratori condannato amministrazione commissione manifestazione intervento Alessandro pubblicato importante Redazionale maggioranza parlamentari presentato ambientale situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information