Login

Chi è on.line

Abbiamo 624 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
45
Articoli
3253
Web Links
4
Visite agli articoli
8200613
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 24 Luglio 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

vincenzo-scarantino(Fonte: Il Fatto Quotidiano - Lorenzo Galeazzi) - L'uomo si era accusato, salvo poi ritrattare, della strage di via d'Amelio. Dopo la trasmissione è stato preso in cattura dalla Squadra mobile di Torino. Avrebbe abusato di una ragazza con problemi, ospite di una comunità protetta nel Torinese - Fermato in macchina, perquisito e arrestato dopo la sua ospitata su La7.

 Vincenzo Scarantino è stato preso in cattura dalla Squadra mobile di Torino. Nei suoi confronti una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del capoluogo piemontese perché  il 5 novembre del 2013 abusò di una disabile maggiorenne in una comunità protetta del capoluogo subalpino. A Scarantino è stata contestata l’aggravante “dell’abuso di autorità”. Quel giorno stava sostituendo un suo amico educatore – lui non aveva un lavoro fisso – e all’interno della struttura avrebbe approfittato dei gravi problemi psichici della donna per abusare sessualmente di lei. La mobile di Torino, dopo la querela della vittima, ha eseguito le indagini ed è risalita a Scarantino dopo la testimonianza di vari collaboratori della struttura, dove lavorava con un altro nome. 

L’uomo, dopo la trasmissione, stava tornando in albergo a bordo di un’auto con autista della produzione, ma fuori dagli studi di Cinecittà, all’angolo fra via Lamaro e Tuscolana, lo aspettavanodue volanti e tre auto civetta: paletta rossa e perquisizione. Poi gli agenti hanno caricato l’excollaboratore di giustizia, portandolo via. Poco prima l’uomo che si è accusato, salvo poi rimangiarsi tutto, della strage di Via d’Amelio è da Michele Santoro a raccontare di come sia stato torturato e costretto a mentire. Con il volto coperto da una maschera il falso pentito parla di una persona che “architetta il depistaggio”, ma se ne guarda bene dal fare il nome.

Subito dopo il blitz, la redazione si mette in contatto con lui e scopre che lo stanno portando inQuestura: “Ma sentiamo una voce che dice ‘prima in Questura, poi in albergo’”. Infatti Scarantino all’inizio viene portato al posto di polizia, dove gli prendono le impronte digitali e gli notificano un atto, e poi in hotel. Nel frattempo la squadra di Servizio Pubblico cerca di ricostruire gli episodi e si riversa, telecamera alla mano, sotto il suo albergo. “Le forze dell’ordine hanno comunicato che si tratta di una notifica non meglio precisata – raccontano – Ma siamo sconvolti dalla modalità e insospettiti dalla tempistica dell’operazione”.

Passa mezz’ora e l’ex testimone di giustizia arriva scortato da dieci agenti. I giornalisti riescono a girare qualche immagine, ma i poliziotti si barricano nella sua camera per uscirne poco dopo. Scarantino è in stato d’arresto e quindi di torna in Questura.  Poco prima, in trasmissione, l’uomo che si è auto intestato la morte di Paolo Borsellino e degli uomini della sua scorta ha descritto come un gruppo di poliziotti lo faceva studiare preparandolo agli interrogatori: “Le sere prima mi leggevano tutto e io dovevo memorizzare tutto quello che sentivo”. Racconta di essere stato plasmato a dovere per dire esattamente le parole giuste sulla strage e conferma le accuse contro il defunto questore Arnaldo La Barbera che lo avrebbe costretto a mentire.

Viene arrestato nel 1992 quando è poco più di un picciotto di borgata. Dopo un anno di carcere duro a Pianosa, decide di collaborare spiegando per filo e per segno come e perché sia stato organizzato l’omicidio Borsellino. Ma a un certo punto, a sorpresa, decide di ritrattare tutto puntando il dito contro poliziotti e magistrati che, a suo dire, lo avrebbero costretto a testimoniare ciò che non aveva mai fatto, visto o sentito. Dopo una condanna a 18 anni per la strage, attualmente è imputato a Caltanissetta, per calunnia. “La mafia – dice – arriva, spara in faccia, spara in testa. Subito uno si accascia, e muore. Lo Stato, invece, ti fa morire giorno dopo giorno”. Oggi vive per strada emarginato da tutti.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Ecoambiente referendum interventi Civitanova annunciato capogruppo dichiarato associazioni responsabile Comunicato possibilità dipendenti all'interno attraverso condizioni condannato amministrazione lavoratori manifestazione intervento pubblicato democrazia Alessandro commissione Redazionale importante maggioranza parlamentari ambientale presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information