Login

Chi è on.line

Abbiamo 717 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3260
Web Links
4
Visite agli articoli
8529243
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 19 Settembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

renato-mannheimer-facendo-115182(Fonte: Repubblica on-line) - La Procura di Milano ha chiuso l'inchiesta: il sondaggista è indagato per associazione per delinquere finalizzata all'evasione fiscale e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti - Un'evasione fiscale da dieci milioni di euro è stata contestata a Renato Mannheimer, presidente dell'istituto dei sondaggi Ispo, dal pm milanese Adriano Scudieri, che ha chiuso

le indagini e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio per il sondaggista, che è indagato assieme al suo consulente Francesco Merlo e ad altre persone. Mannheimer ha detto ai pm di provare "vivo dispiacere e sincero pentimento" e di essere "intenzionato a fare in modo che sia restituito al fisco tutto quanto dovuto".

L'inchiesta si riferisce agli anni dal 2005 al 2010, periodo nel quale sarebbe stata realizzata l'evasione attraverso un giro di fatture false per 30 milioni di euro. A Mannheimer, Merlo e agli altri otto indagati, il pm, con l'atto di chiusura delle indagini, contesta i reati di associazione per delinquere finalizzata all'evasione fiscale e utilizzo di fatture per operazione inesistenti. Al sondaggista, in particolare, la Procura riconosceun ruolo di "ideatore e beneficiario dell'attività fraudolenta".

Tutto è iniziato con una normale ispezione amministrativa antiriciclaggio sugli affari di Merlo. Dall'attività investigativa è emerso che l'uomo, fiduciario di Mannehimer, aveva ideato un giro di false fatturazioni, alcune che chiamavano in causa anche società estere inesistenti, con movimenti su conti correnti in banche di Lussemburgo, Svizzera e Antigua. Scopo delle false operazione e dei movimenti bancari all'estero - sempre secondo l'accusa - era quello di frodare il fisco, consentendo a Mannheimer di evadere le imposte dovute (Ires ed Iva) e di far poi rientrare i soldi dall'estero in Italia.

Interrogato dal pm a dicembre, Mannheimer, difeso dall'avvocato Mario Zanchetti, aveva manifestato "vivo dispiacere e sincero pentimento per essersi lasciato coinvolgere in atti di particolare gravità".

 E si era detto "intenzionato a fare in modo che sia restituito al fisco tutto quanto dovuto". Mannheimer aveva rimarcato anche "come, già da alcuni anni" sia lui a titolo personale sia le sue società "siano totalmente rispettose della normativa fiscale".

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente responsabilità soprattutto referendum Civitanova annunciato responsabile dichiarato capogruppo associazioni Comunicato possibilità dipendenti all'interno condizioni attraverso lavoratori condannato amministrazione manifestazione intervento commissione pubblicato Alessandro democrazia Redazionale maggioranza ambientale parlamentari importante presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information