Login

Chi è on.line

Abbiamo 607 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
45
Articoli
3244
Web Links
4
Visite agli articoli
8182585
LOGIN/REGISTRATI
Sabato, 20 Luglio 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

debito-pubblico-italiano-1861-20071(Fonte: Il Fatto Quotidiano) - Le brutte notizie riguardano anche il Pil. L'Istat fa sapere che è calato dell'1,9% nel 2013, specificando che è sceso così sotto i livelli del 2000. Rapporto deficit-Pil al 3,0%, mentre i consumi continuano a frenare - Brutte notizie in arrivo dall’Istat, per quanto riguarda la crescita e soprattutto l’indebitamento.

Il rapporto debito-Pil nel 2013 ha raggiunto il 132,6%, toccando il livello più alto dal 1990, anno di inizio delle serie storiche confrontabili. Il dato, in deciso rialzo dal 127% del 2012, è inferiore alle attese del governo, che nell’ultima nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza aveva previsto un rapporto al 133,0 per cento.

L’istituto di statistica fa inoltre sapere che il Pil è calato l’anno scorso dell’1,9%, specificando che con la caduta dell’ultimo anno il Pil è sceso leggermente sotto i livelli del 2000. L’ultima stima ufficiale del governo prevedeva un calo dell’1,7%, mentre nel 2012 si era registrato un ribasso del 2,4 per cento. Il rapporto deficit-Pil è stato pari al 3,0%, confermando i livelli dell’anno precedente. Cala infine la pressione fiscale complessiva, che nel 2013 è risultata pari al 43,8%, in diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto al 2012.

La conferma delle difficoltà in cui si trova il Paese arriva dai consumi. Nel 2013 la spesa delle famiglie è diminuita del 2,6%, dopo il crollo del 4% già registrato nel 2012. La spesa per glialimentari, in particolare, è caduta del 3,1%, quella per la sanità del 5,7% e quella per l’abbigliamento del 5,2 per cento.

Giù anche le entrate della pubblica amministrazione, pari al 48,2% del Pil, diminuite nel 2013 dello 0,3% sull’anno precedente (+2,5% nel 2012). Nel dettaglio, le entrate correnti scendono dello 0,7%, attestandosi al 47,6% del Pil, e le imposte indirette calano del 3,6% a causa del calo del gettito Imu, Iva e accise. Le imposte dirette salgono invece dello 0,6%, essenzialmente per effetto dell’aumento dell’Ires e dell’imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altri redditi da capitale.

Per il Codacons i dati Istat su debito e Pil sono “due facce della stessa medaglia, l’uno la diretta conseguenza dell’altro”. Fino a che i governi “pensano solo a ridurre il debito aumentando le tasse“, infatti, “il Pil non può che crollare ed il rapporto debito-Pil peggiorare. Per questo l’associazione di consumatori invita il governo Renzi a concentrarsi sul denominatore del rapporto debito-Pil piuttosto che, come hanno fatto Monti e Letta, sul numeratore, altrimenti il paese non uscirà più da questa recessione. Ecco perché l’aumento della Tasi è un pessimo inizio“.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

interventi referendum responsabilità Ecoambiente attraverso Civitanova annunciato responsabile associazioni capogruppo Comunicato dichiarato possibilità condizioni all'interno dipendenti democrazia lavoratori amministrazione condannato manifestazione intervento commissione Alessandro pubblicato importante Redazionale maggioranza parlamentari ambientale presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information