Login

Chi è on.line

Abbiamo 718 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3260
Web Links
4
Visite agli articoli
8529276
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 19 Settembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

fibra ottica(Fonte: Il Fatto Quotidiano) - L’Italia è indietro sia nella diffusione che nell’uso delle nuove reti di telecomunicazioni, ma non per i prezzi. E’ quanto emerge da uno studio di Ofcom, l’Autorità inglese di settore, che ci mette a confronto con Regno Unito, Francia, Germania e Spagna, evidenziando che siamo chiaramente ultimi

sulla penetrazione delle reti ultra veloci, in linea con la banda larga di base ma ultimi nelle connessioni, e allo stesso tempo non brilliamo per prezzi attraenti. Al polo opposto è il Regno Unito, con alta diffusione e prezzi più bassi.

Stando allo studio di Ofcom, che si basa su numerosi altri rapporti, in Italia la banda larga standard copre ormai oltre il 95% della popolazione, in linea con tutti gli altri Paesi e con gli obiettivi dell’Agenda digitale europea: tuttavia, le famiglie che scelgono e pagano il servizio sono solo il 50%, contro l’83% del Regno Unito, l’81% della Germania, il 76% della Francia e il 63% della Spagna. Del resto gli italiani che si collegano a Internet almeno una volta a settimana sono solo il 56%, mentre gli altri quattro Paesi mostrano percentuali più alte.

All’inverso, l’Italia svetta al primo posto nella classifica di coloro che non hanno mai usato Internet, con un desolante 34%, contro l’8% del Regno Unito. Ultimi posti, invece, sia per l’acquisto online (20% della popolazione) che per i rapporti con la pubblica amministrazione sul web (21%). Ancora più imbarazzante la graduatoria sulle reti ultraveloci, vale a dire quelle che assicurano almeno 30 mega: l’Italia è ultima sia per la disponibilità (10-15%, contro il 70-75% del Regno Unito) che per l’effettiva connessione al servizio, addirittura a zero.

Se questa è la situazione sul fronte tecnologico, non molto meglio vanno le cose dal punto di vista dei prezzi. Lo studio effettua la rilevazione attraverso la messa a punto di dodici distinti panieri, in relazione a velocità di banda e modalità commerciale: ebbene, in nessuno dei dodici panieri l’Italia è la più virtuosa. Al contrario, è spesso il Regno Unito, più avanzato tecnologicamente e anche come utilizzo di Internet, a offrire le condizioni migliori. Un discorso diverso, però, merita la banda larga mobile, dove l’Italia svetta sia per diffusione che per prezzi, che risultano essere i più bassi.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente responsabilità soprattutto referendum Civitanova annunciato responsabile dichiarato capogruppo associazioni Comunicato possibilità dipendenti all'interno condizioni attraverso lavoratori condannato amministrazione manifestazione intervento commissione pubblicato Alessandro democrazia Redazionale maggioranza ambientale parlamentari importante presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information