Login

Chi è on.line

Abbiamo 661 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3266
Web Links
4
Visite agli articoli
8688353
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 15 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

nipote violentataNove anni. Questa la sentenza a carico di Franco Cignoni, il noto imprenditore di Lendinara (la sua impresa ha costruito il ponte di Calatrava a Venezia), condannato per violenza sessuale su una minorenne, la sua nipote acquisita.

Una sentenza emessa dal collegio giudicante presieduto da Andrea Battistuzzi, dopo un’udienza fiume, che si è conclusa nel tardo pomeriggio di ieri dopo lunghe ore di discussione. Parte civile, la giovane di origini australiane, assistita dallo studio legale di Daria Pesce, il legale milanese di Ruby e Nicole Minetti, cheoggi ha 20 anni e sostiene di avere subito molestie dallo zio mentre era in vacanza in Italia a casa sua. La pm, Sabrina Duò, aveva chiesto esattamente la stessa pena prevista dal collegio giudicante: 9 anni, non uno in più o uno in meno.Secondo la Procura, nel 2004 la giovane era venuta in Polesine insieme ai genitori per trascorrere una settimana di vacanza. Sarebbe stato proprio durante questo periodo che l’imprenditore avrebbe toccato nelle parti intime la ragazza e avrebbe consumato violenza completa. In tutto sono sette gli episodi contestati dalla giovane, emersi solo a distanza di tempo dal soggiorno polesano della nipote di Cignoni e della sua famiglia. Solo nel 2009, infatti, ovvero cinque anni dopo la violenza sessuale, la ragazza ha cominciato a parlare, mostrando segni di autolesionismo e tentando il suicidio. Un racconto che si è fatto via via più preciso fino a raggiungere i margini per un’accusa che la famiglia della nipote di Cignoni ha portato avanti nonostante i chilometri di distanza che li separano dallo zio ‘orco’.Ieri, l’epilogo. Una condanna per Cignoni, per cui l’avvocato difensore, Marco Petternella, promette il ricorso in appello: "Aspettiamo di leggere le motivazioni di tale sentenza — spiega —. Ma secondo me c’erano tutti i requisiti per un’assoluzione completa: i racconti della ragazza sono pieni di incongruenze, i dettagli non tornano, vengono modificati a ogni deposizione. Anche la procedura seguita lascia perplessità: non sono infatti stati rispettati i criteri stabiliti dalla carta di Noto sulle deposizioni delle vittime di violenza". E il sipario cala su un Franco Cignoni distrutto, abbattuto dalle sorti della sua azienda e dalle varie vicissitudini giudiziare che lo vedono imputato.Caterina Zanirato

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Ecoambiente interventi Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information