Login

Chi è on.line

Abbiamo 1054 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3280
Web Links
4
Visite agli articoli
9077831
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 13 Dicembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 100% (1 Vote)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Veduta-di-Stienta1
Analizzando i documenti di seguito scansionati devo subito portare il primo problema ossia che il documento più recente che ho, porta la data del 21 Aprile 2011 quindi tutto quello che di seguito andrò a dire si ferma con questa data poiché non ho altre informazioni!


Innanzi tutto come avevo subito detto mi sembrava strano che si parlasse di discarica poiché i soggetti privati non la possono detenere se non in comodato da enti pubblici o predisporre le autorizzazioni per poi venderle ai medesimi enti.
Questa è una vasca di acquacultura dismessa (probabilmente si trattava delle volgarmente definite "cave di pesca"), il soggetto privato "società agricola Ferraresi Gianni" decide di chiudere queste cave e fare semplici terreni agricoli coltivati.
Secondo la legge 152/2006 http://www.camera.it/parlam/leggi/deleghe/06152dl.htm.
Per rifiuti non inquinati può essere permesso lo smaltimento tramite il riempimento di cave dismesse per riconvertirle in agricoltura o anche in impianti solari.
Ovvio che purtroppo qui entriamo sulla diatriba del "compost" dove tutti si riempiono la bocca dicendo che è un fertilizzante e altri dicono che è cancerogeno se non trattato in modo congruo!
Di sicuro se questo soggetto vuole riempire questa cava di rifiuti non ha intenzioni "buone" visto che se avesse chiesto a Ecogest di portare le ramaglie di risulta lo faceva con una semplice scia senza neanche chiedere i pareri agli enti preposti...
Comunque quello che c'è di buono è che il Comune si è messo promotore della difesa ambientale infatti dopo aver rilasciato il permesso, si è reso conto dell'errore e ha prima sospeso e poi annullato il permesso di costruite sulla base della mancanza del PIANO ATTUATIVO che va sottoposto al CONSIGLIO COMUNALE e alla COMMISSIONE EDILIZIA.
In buona sostanza l'unica cosa che dovete fare è organizzare una riunione con le forze politiche di Stienta (dopo aver valutato se sono stati indetti consigli comunali sul tema) per chiarire la loro posizione sulla fattibilità dell'intervento poiché solo la maggioranza del consiglio comunale e con l'approvazione della commissione edilizia questo intervento è fattibile!
Tuttavia avendo sospeso il permesso di costruire in data 21 Aprile 2011 dovete visionare se esistono altri documenti nuovi di questa ditta!
In buona sostanza dovere intervenire politicamente chiedendo informazione pubblica dei partiti che costituiscono il consiglio comunale lo stato di fatto attuale della pratica e nel caso in cui qualcuno porti in consiglio comunale la variazione del Piano Attuativo che cosa voteranno poiché solo con la maggioranza del consiglio è possibile la variazione.

Mattia Migliorini

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente soprattutto particolare Civitanova annunciato referendum dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso condizioni condannato amministrazione lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione democrazia Redazionale ambientale importante maggioranza parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information