Login

Chi è on.line

Abbiamo 643 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
45
Articoli
3244
Web Links
4
Visite agli articoli
8182598
LOGIN/REGISTRATI
Sabato, 20 Luglio 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

portotolle-pezzo(Fonte: RovigoOggi) - Trasferiti definitivamente 50 dei 100 lavoratori che nell’attesa della riconversione a carbone erano occupati “in regime di trasferta” - Nessuna parola da Enel o dal Ministero dell'Ambiente

nonostante le promesse. Il futuro dell'impianto di Polesine Camerini è ancora oscuro ma ormai il tempo che scorre e il nulla che accade diventano più eloquenti di qualsiasi verbo. In realtà qualcosa è accaduto nei giorni scorsi. 50 operai di Porto Tolle che lavoravano in regime di trasferta sono stati trasferiti definitivamente dall'azienda in altre sedi. L'accordo del mantenimento della trasferta per 100 lavoratori era stato siglato con i sindacati in attesa dell'inizio della riconversione a carbone dell'impianto. Questa "svolta" sembra l'inizo di un percorso che porterà alla chiusura definitiva della centrale.

50 dipendenti Enel sono stati trasferiti definitivamente in sedi diverse dall’impianto di Porto Tolle. Nei giorni scorsi Enel ha presentato un documento che supera gli accordi sindacali stretti in loco e per la prima volta parte del personale ancora attivo di Porto Tolle viene ”smantellato”. 

In questi anni, durante l’attesa di una possibile riconversione dell’impianto, parte dei dipendenti, un centinaio circa su 250, erano impegnati in trasferta verso altre centrali, questo per non perdere le professionalità maturate durante il funzionamento della centrale. Ora di questi 50 dipendenti che hanno ottenuto il trasferimento definitivo, una trentina andranno all’impianto di Fusina a Mestre, gli altri venti sparsi per l’Italia.

Comprensibile la delusione dei lavoratori, “questa manovra è la prova definitiva che l’azienda non crede più nelle professionalità e per conseguenza in questo progetto”.Un’azione che non lascia presagire nulla di buono per quanto riguarda il futuro dell’impianto di Porto Tolle, “non è altro che l’epilogo di una vicenda che ormai dura da troppi anni e che porterà alla chiusura definitiva dell’impianto” dicono i lavoratori, con i quali è concorde Dalmazio Passarella, Rsu della Filtem Cgil, con tutte le conseguenze del caso, “sarà l’ennesima occasione persa per il nostro territorio di mantenere e creare posti di lavoro per la nostra gente”. 

Per 50 lavoratori Enel si apre un nuovo capitolo. Hanno l’onestà di riconoscere che “anche se lontani dalla famiglia, dagli affetti dalla loro terra almeno un lavoro ce l’hanno”. 

I sindacati sono in allarme: “A livello locale - spiega Dalmazio Passarella, Rsu della Filtem Cgil - si stanno facendo manovre per far lavorare 30-40 persone delle imprese locali, ma di questi 50 ora chi ne parla?”. “II tutto nella totale indifferenza della politica, - spiega Passarella - infatti a distanza di mesi, nessuna risposta ancora è arrivata dal ministro Orlando alle interpellanze parlamentari fatte dai politici locali sul destino della Centrale”. La commissione Via a novembre aveva dato parere interlocutorio negativo (leggi articolo), “ma le motivazioni ancora non ci sono - spiega Passerella - così non si sa perché, né si può correggere il tiro”.

L’appello dei lavoratori è tutto rivolto alla politica locale, leggasi senatrice Emanuela Munerato e onorevole Diego Crivellari “che non si fermi ad una semplice promessa del ministro a venire nel territorio per spiegare, la sua visita deve essere propedeutica ad azioni mirate per dare le risposte che da troppo tempo si attendono”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

interventi referendum responsabilità Ecoambiente attraverso Civitanova annunciato responsabile associazioni capogruppo Comunicato dichiarato possibilità condizioni all'interno dipendenti democrazia lavoratori amministrazione condannato manifestazione intervento commissione Alessandro pubblicato importante Redazionale maggioranza parlamentari ambientale presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information