Login

Chi è on.line

Abbiamo 632 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
45
Articoli
3244
Web Links
4
Visite agli articoli
8182597
LOGIN/REGISTRATI
Sabato, 20 Luglio 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

thomas-giacon-1(Fonte: RovigoOggi) - La Tares costa 130mila euro in più rispetto alla vecchia Tia del 2012 e si hanno meno servizi, l’accusa arriva dal consigliere di minoranza Thomas Giacon - Nessuna diminuzione di tariffa con Tares, ma quello che diminuiscono a Porto Viro sono i sacchetti che avranno a disposizione i cittadini. Thomas Giacon, consigliere comunale è furente e pretende giustizia, tabelle alla mano analizza che tra la Tia del 2012 e la Tares del 2013 il Comune spende un più 130mila euro all’anno, senza alcun risparmio per i cittadini.

 

“Abbiamo da poco pagato la Tares con la maggiorazione di 0,30 cent/mq, ma per i cittadini di Porto Viro nulla è cambiato anzi tutti abbiamo sborsato qualcosa in più visto che stiamo ammortizzando per 10 anni i costi dell’ampliamento Eco Centro”. Thomas Giacon, consiglieri comunale di minoranza di centrosinistra critica la gestione di raccolta dei rifiuti nel comune da parte di Ecoambiente.  

Quello che più allibisce il consigliere comunale è il kit dei sacchetti che è stato messo a disposizione ai cittadini: uniformato a criteri di minore spreco e razionalizzazione e secondo le direttive europee, i residenti di Porto Viro di trovano con 25 sacchi per la plastica/lattine, 10 sacchi per il verde, e senza sacchetti per l’umido. La domanda che sorge spontanea è: allora i cittadini spenderanno meno? “No. Il Comune di Porto Viro  con la Tia 2012 pagava 2,361 milioni euro, ora con la Tares 2013 si paga  2,488 milioni euro, ben 127mila in più,il risparmio non può essere garantito dalla non distribuzione dei sacchetti - afferma Giacon con le tabelle comparative in mano - Siamo ormai arrivati ad un punto di non ritorno dove necessariamente strutture e sistema hanno fallito e pertanto c’è l’esigenza di intraprendere un nuovo percorso politico e amministrativo”.

Thomas Giacon si dice stufo di questa amministrazione di enti che non tutela i cittadini ma “solamente i posti che riesce a garantire alla politica - conclude - Partendo dal presupposto che i rifiuti ci sono e si devono raccogliere , oggi l’obbiettivo da raggiungere è il contenimento per quanto possibile delle tasse sulla cittadinanza legate alla gestione del servizio di raccolta rifiuti con l’incremento dell’efficienza del sistema di raccolta differenziata dei rifiuti attraverso sistemi innovativi, migliorando anche la gestione dell’Ecocentro, e utilizzando le risorse economiche risultanti, anche con l’impiego di un contributi specifici per la riduzione della tassazione applicata”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

interventi referendum responsabilità Ecoambiente attraverso Civitanova annunciato responsabile associazioni capogruppo Comunicato dichiarato possibilità condizioni all'interno dipendenti democrazia lavoratori amministrazione condannato manifestazione intervento commissione Alessandro pubblicato importante Redazionale maggioranza parlamentari ambientale presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information