Login

Chi è on.line

Abbiamo 672 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3266
Web Links
4
Visite agli articoli
8699645
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 17 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

VIGILE CHE MULTAL’inchiesta sul verbale di notifica del provvedimento .Siamo alle solite, un provvedimento inserito nel recente ‘Decreto del Fare’ ha stabilito che se una sanzione a carico di un automobilista viene onorata entro cinque giorni dal ricevimento dell’atto giudiziario è possibile pagare la sanzione stessa con il 30% di sconto sull’importo previsto.

I conteggi sono presto fatti: 50 euro di multa, pagamento entro il quinto giorno disponibile 35 euro di versamento. Messa così l’opportunità è ghiotta sia per il l’automobilista fallace, sia per l’Ente preposto all’incasso della sanzione che aumenta in maniera esponenziale la possibilità di introitare denaro liquido in tempi decisamente più brevi rispetto a prima. Ma, dicevamo, siamo alle solite perché sembra, il condizionale è d’obbligo, che ultimamente siano incrementate, o molto più semplicemente appaiono in tutta la loro iniquità, le spese accessorie al provvedimento. Recentemente l’inchiesta di un noto periodico del settore ha fatto emergere, prendendo spunto dalla situazione del Comune di Adria e di un’amministrazione comunale in provincia di Bologna, che sul verbale di notifica del provvedimento le spese addebitate al proprietario del veicolo arrivano fino a 20, 22 euro. E allora succede che un cittadino polesano possa vedersi recapitata una sanzione, ad esempio di 41 euro, con lo sconto per il pagamento entro i primi cinque giorni 22,60 euro più una ventina di euro di spese accessorie, si ritrovi a pagare i 42 euro d partenza. Le scusanti addotte riferiscono dell’addebito all’autista delle spese relative ai costi di accertamento e notifica, quei costi che il comando di polizia sostiene per risalire all’autore dell’infrazione se non è stato possibile contestarla sulla strada oltre a quelli che l’amministrazione sostiene per inviare i verbali. Per quanto riguarda il primo caso i costi non esistono, nel senso che gli Enti pubblici possono accedere liberamente, e gratuitamente, al Pubblico Registro Automobilistico o all’archivio della Motorizzazione Civile. Qualche ente in realtà, non si sa per quale dinamica, paga ciò che potrebbe ottenere gratuitamente, ma questa è un’altra questione e con i 7,20 euro di raccomandata a Poste Italiane la faccenda potrebbe chiudersi a questo livello di spesa. Tutto il resto non dovrebbe essere a carico del contribuente. Sanzione più 7,20 euro per la raccomandata, tutto il resto è lucro, guadagno, probabilmente legittimo per un privato sicuramente meno onorevole per un’amministrazione pubblica. E si badi bene poco onorevole non significa irregolare. L’articolo 201 del Codice della Strada, comma 4, afferma: “Le spese di accertamento e notificazione sono poste a carico di chi è tenuto al pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria”. Tutto perfettamente legale, anche se tutto evidentemente ingiusto. E allora sembra sensata la proposta di modifica al comma oggetto del contendere: “Le spese di accertamento e notificazione sono poste a carico dell’amministrazione che ha accertato la violazione Sandro Partesani

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Ecoambiente interventi Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information