Login

Chi è on.line

Abbiamo 1002 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8909980
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 21 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

polesine-acque-3-2(Fonte RovigoOggi) - La società, piena di debiti, ora è nell'occhio del ciclone perché il comune di Rovigo minaccia un decreto ingiuntivo da 4 milioni di euro.

La senatrice della Lega Nord Emanuela Munerato chiede spiegazioni - Emanuela Munerato, senatrice polesana della Lega Nord, interviene sul caso Polesine Acque e afferma: "Il debito è diventato enorme, servono spiegazioni". Le due soluzioni proposte: "O si cambia la dirigenza interna o si trova una società disposta a fondersi e che si accolli i debiti".

"Polesine acque è un carrozzone che ha accumulato debiti negli anni. Ora siamo arrivati, pare, a più di 50 milioni. Quelli nei confronti dei Comuni sono quelli che preoccupano di meno. I sindaci sono gli amministratori di Polacque. I Comuni sono i proprietari. Ma se sono quasi 40 milioni quelli nei confronti delle banche e delle imprese, c'è da preoccuparsi. Seriamente".

Emanuela Munerato, senatrice della Lega Nord, interviene sul caso Polesine Acque. La società, piena di debiti, ora è nell'occhio del ciclone perché il comune di Rovigo minaccia un decreto ingiuntivo da 4 milioni di euro. E ora pare ne stia arrivando un altro, di un milione, da Edison.

"Quello che deve avere a cuore la politica polesana è prima di tutto la qualità del servizio. L'efficienza dei processi di depurazione sopra ogni cosa. Ma al secondo posto viene il costo al litro, per le utenze. Per le famiglie – dice Munerato –. E noi polesani siamo svantaggiati. La nostra acqua è tra le più costose da depurare e tra le più costose da bere. Ma non è colpa nostra, noi beviamo quella di due fiumi importanti come l'Adige e il Po, che in Polesine arrivano quasi alla fine della loro corsa. Quando cioè si sono caricati di inquinanti".

Non si può accettare che la situazione resti questa. E che ai cittadini polesani restino così penalizzati. Ma la senatrice leghista torna a parlare dell'azienda. "La politica ora deve agire in maniera risoluta. Da un lato deve dare l'incarico a dei professionisti esterni perché venga fatta chiarezza una volta per tutte. Dal momento della fusione dei consorzi in Polesine Acque il debito è aumentato a dismisura. Bisogna capire come sono stati gestiti gli appalti per le forniture, le gare per i lavori di manutenzione e per gli investimenti – incalza Munerato –. Se sono sempre stati fatti in economicità. E se l'aumento di personale è sempre stato deciso in seguito a reali necessità. Ora è evidente che il personale amministrativo sia in eccesso. Chi c'è deve conservare il proprio posto di lavoro. Ma va chiarito come si sia arrivati ad un'abbondanza simile".

Nell'immediato futuro andranno prese decisioni drastiche. "Le possibilità sono dueO si decide che la società deve continuare a camminare con le proprie gambe, su scala provinciale – osserva Munerato –. E allora deve cambiare la dirigenza interna, servono manager capaci. Serve la mentalità del privato all'interno del pubblico. Efficienza, determinazione.Oppure è necessario trovare un'altra società disposta a fondersi con Polacque, accollarsi i debiti e a fare investimenti. Nessuna delle due è da escludere. L'importante è che a pagare non siano solo i cittadini con il costante aumento della tariffa. E la politica deve vigilare".

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information