Login

Chi è on.line

Abbiamo 473 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
45
Articoli
3244
Web Links
4
Visite agli articoli
8185638
LOGIN/REGISTRATI
Domenica, 21 Luglio 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

venaziano ostaggio dei libiciIL CASO PREOCCUPAZIONE PER LE SUE CONDIZIONI DI SALUTE. Era in Libia per lavorare alla ricostruzione della rete idrica e fognaria. Il tecnico veneziano Gianluca Salviato, 48 anni, è stato rapito a Tobruk, in Cirenaica, nella parte orientale del paese. E ora è profonda apprensione sul suo stato di salute: Salviato, infatti, è diabetico e ha bisogno di insulina quotidianamente. L’intelligence italiana, intanto, esclude l’ipotesi che si che il rapimento sia a sfondo terroristico.

Più facile, secondo gli 007, che si tratti di criminalità comune e che l’obiettivo del commando sia di ottenere un cospicuo riscatto in cambio della liberazione dell’ostaggio. “Un episodio maturato in ambito criminale”, come un rapimento a scopo di estorsione, “più che un atto legato al terrorismo”, eventualità che comunque “al momento non si può escludere del tutto”. Sottolineano infatti i servizi. “Tutti i canali in Libia sono stati attivati, sulla base di un’eccellenza che viene riconosciuta alla nostra intelligence”, hanno riferito fonti interne alle agenzie all’AdnKronos. “La situazione è fluida e il lavoro è in corso”, viene rilevato. Gianluca Salviato era in Cirenaica per motivi professionali: lavora, infatti, per una ditta di costruzioni friulana che da anni opera nella regione. Da un anno e mezzo, nel dettaglio, l’azienda italiana è impegnata nella ricostruzione degli impianti idrici e fognari di Tobruk: Salviato si trovata a lì per compiere un sopralluogo di collaudo. Al cantiere - aggiudicato all’azienda friulana con un appalto da 130 milioni di euro - lavorano 200 operai libici ed egiziani oltre ad una trentina di tecnici e dirigenti. Ma, anche se tutti sono al lavoro per riportare a casa l’ostaggio, a Trebaseleghe, nel Padovano, dove risiede, e a Martellago (Venezia), suo paese natale, l’ansia per le condizioni di Salviato è palpabile. E anche il primo cittadino di Venezia Giorgio Orsoni ha espresso “la mia preoccupazione per Gianluca Salviato. Mi auguro - le parole del primo cittadino - che nelle prossime ore la sua famiglia possa ottenere quelle notizie positive e tranquillizzanti che anche tutti noi attendiamo”. Salviato, infatti, è fratello di una dipendente del comune di Venezia. “Alla famiglia Salviato, alla nostra dipendente - continua Orsoni - la vicinanza del Comune di Venezia in questa particolare situazione di attesa che, ribadisco, tutti ci auguriamo possa risolversi al più presto e nel migliore dei modi possibili”

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

interventi referendum responsabilità Ecoambiente attraverso Civitanova annunciato responsabile associazioni capogruppo Comunicato dichiarato possibilità condizioni all'interno dipendenti democrazia lavoratori amministrazione condannato manifestazione intervento commissione Alessandro pubblicato importante Redazionale maggioranza parlamentari ambientale presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information