Login

Chi è on.line

Abbiamo 954 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3259
Web Links
4
Visite agli articoli
8501169
LOGIN/REGISTRATI
Domenica, 15 Settembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 20% (1 Vote)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

impianto-biogas-immagine-da-wikipedia(Fonte: Il Gazzettino del Nord-Est - Federico Rossi) - Termovalorizzatore a pollina di Castagnaro, anche Badia è pronta a mobilitarsi. La protesta, sollevata in queste ore anche sui social network, punta a impedire la costruzione di un impianto di produzione di energia elettrica da biomasse alimentato da sterco di gallina (la pollina appunto) che dovrebbe sorgere nel Comune veronese. Badia, e in particolare la frazione di Villa D'Adige, si trovano

vicine alla località di Menà scelta come sede dell'impianto. Il progetto dell'Agsm di Verona è stato oggetto di una mozione del consigliere regionale Pd Franco Bonfante per impegnare la Giunta regionale a negare l'autorizzazione alla costruzione dell'impianto. Non solo. Pochi giorni fa, sempre su iniziativa del gruppo consiliare regionale Pd e della sezione locale dei Democratici, la cittadinanza veronese si è riunita in massa (circa 400 presenze) per discutere dei possibili rischi per l'ambiente, la salute e l'economia. La "pollina secca" è considerata biomassa dalla direttiva europea e la stessa società promotrice del progetto avrebbe sottolineato a più riprese che non ci sarebbero pericoli per l'agricoltura o per l'ambiente. Tuttavia le forti proteste restano. L'ex consigliere comunale Riccardo Mantovani, residente a Villa D'Adige, invita alla mobilitazione auspicando la costituzione di un comitato («apolitico») che possa informare la cittadinanza e battere i pugni sul tavolo per evitare l'impianto. «Si parla della fuoriuscita di polveri Pm10 o diossine con tutte le conseguenti negative facilmente immaginabili. Mi chiedo - aggiunge - come mai sia stata scelta quella zona, dato che ci troviamo vicino a centri abitati. E vorrei sapere cosa intende fare il nostro Comune. Badia - afferma - non può restare insensibile a questa vicenda». A sostenere la nascita di un comitato è anche il consigliere comunale di minoranza Adino Rossi, pronto a portare la questione all'attenzione dell'assemblea cittadina. «Farò certamente un intervento al riguardo - commenta l'esponente della lista Tre torri - Bisogna fare qualcosa». 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

referendum interventi Ecoambiente responsabilità Civitanova annunciato dichiarato responsabile associazioni capogruppo Comunicato possibilità dipendenti all'interno amministrazione attraverso condannato lavoratori condizioni manifestazione intervento democrazia commissione pubblicato Alessandro Redazionale maggioranza ambientale parlamentari importante presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information