Login

Chi è on.line

Abbiamo 694 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3266
Web Links
4
Visite agli articoli
8691887
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 16 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 90% (1 Vote)
Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Digestato in mare

Ora il biogas inquina anche il mare. Spiaggia vietata a Civitanova Marche e Porto Sant'Elpidio.

Biogassisti senza pudore "è il risciaquo dell'insalata". Intanto per la loro avidità il mare e inquinato e il turismo ha dei danni. Pagheranno?

(08.0813) Civitanova Marche - Allarme inquinamento a Civitanova Marche. Bagni vietati

sul lungomare sud. Una marea nera alla foce del fiume Chienti. Il digestato dei biogassisti Ambruosi & Biscardi di Bivio Cascinare è finito nel fiume Chienti e quindi in mare, è allarme a Civitanova Marche e porto Sant'Elpidio. I biogassisti serafici dichiarano che non c'è alcun pericolo perché sarebbe acqua di risciacquo dell'insalata. Però dopo che l'Arpam ha effettuato dei prelievi d'acqua in serata il sindaco di Civitanova ha disposto il divieto di balneazione su tutto il lungomare sud. La macchia scura è apparsa alle 15 alla foce del fiume Chienti ed è stato subito dato l'allarme con l'arrivo sul posto dei vigili del fuoco. È stata quindi a allertata la forestale e l'Arpam. Quest'ultima ha confermato che si tratta dello scarico del digestato proveniente dalla produzione di biogas. Non si tratta di un piccolo inquinamento ma di un episodio che può causare problemi agli organismi acquatici e ai bagnanti. Potrebbe esserci un rischio sia chimico che batteriologico ma per questo è ovvio che bisogna attendere i risultati delle analisi di laboratorio. L'Arpam consiglia di estendere il divieto di balneazione oltre quanto già disposto dal sindaco di Civitanova in via cautelare. Il biogassista Marziano Ambruosi ha dichiarato poi che si è rotto il tubo dove passa il digestato per la fertile irrigazione ovvero il digestato miscelato con acqua. . Dimostrando una notevole faccia tosta il biogassista sostiene che non ci sono rischi perché la biomassa che viene utilizzata nel digestore è costituita da innocenti scarti di insalata e ortaggi. Non ci sono liquami né - bontà sua - prodotti chimici. Checché ne pensi il biogassista il digestato è la cacca del digestore, un liquame di per sé risultato delle fermentazioni di una grande e non ancora conosciuta varietà di microrganismi. Quanto a sostenere che non vi è inquinamento chimico dimostra solo la spregiudicatezza o l'ignoranza o tutt'e due le cose insieme de biogassisti. Se viene usato per la fertile irrigazione in digestato dovrà ben contenere ammoniaca in quantità. Quanto faccia bene agli organismi acquatici è noto. E pensare che gli "ambientalisti" (di regime) sostengono che il biogas fa bene all'ambiente. Una menzogna e un atteggiamento vomitevoli perché con il biogas si arricchiscono anche loro.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

responsabilità Ecoambiente interventi Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information